46
A Nyon si sta decidendo il futuro del calcio europeo, fermo a causa dell'emergenza coronavirus. La Uefa ha terminato la prima conference call con l’Eca e le leghe europee poco dopo mezziogiorno, alle 13 ne ha poi iniziata un'altra con le 55 federazione associate, ma una decisione per l’Europeo è già stata presa. Sì, perché Euro2020 slitta di un anno, all’estate 2021



PRIORITA' AI CAMPIONATI - L’ufficialità è arrivata, con i campionati che quindi arriveranno al loro regolare compimento in estate, senza la pressione di dover terminare con situazioni estemporanee a causa dell'impellenza della competizione continentale per nazionali. Priorità, quindi, a Serie A, Bundes, Liga, Premier, Ligue 1 e a tutte le altre competizioni nazionali, con l'Europeo, itinerante, che saluta alla prossima estate. E non in inverno, come proponeva Infantino: il rischio di rivoluzionare anche la prossima stagione non piaceva ai club. Avanti così, quindi, in attesa dell'ufficialità: dall'11 giugno all'11 luglio 2021 si giocherà il prossimo Europeo.

IL COMUNICATO - Arrivata l’ufficialità della Uefa. A causa dell’emergenza coronavirus, l’Europeo di calcio è stato spostato di una anno, nell’estate del 2021. Nel comunicato si sottolinea che “la saluta di tutti coloro che sono coinvolti nel gioco è la nostra priorità. Questo spostamento aiuterà tutte le competizioni nazionali a terminare la loro stagione. Tutte le partite Uefa, comprese le amichevoli, per club e nazionali sono al momento sospese fino a nuovo avviso".​

GRUPPI DI LAVORO - ​Dopo la giornata di oggi verrano creati due gruppi di lavoro: da un parte c’è chi discuterà dei calendari, compresi quelli di Champions ed Europa League, dall’altra c’è chi si occuperà delle questioni finanziarie.