Commenta per primo

'Gilardino è un grandissimo attaccante, anche se sono passati parecchi anni da quando l'ho allenato. Le sue qualità però sono rimaste intatte. Al Milan lo hanno usato male, come punta per gli scambi veloci con Kakà, mentre lui è un attaccante da servire in profondità ed infatti alla Fiorentina si è ritrovato subito. E' un ragazzo d'oro, eccezionale, un giocatore ed un uomo vero'. Spende parole al miele l'ex tecnico del Parma Pietro Carmignani nel parlare dell'oggi 29enne attaccante biellese.

'Sono un po' tifoso viola, resterei perplesso se anche Gilardino andasse via - ha aggiunto il 66enne di Altopascio, ospite ai microfoni di Radioblu -. Mutu? Forse era il momento che cambiasse aria, per le sue vicende extracalcistiche, ma stanno partendo in troppi da FirenzeDonadel, D'Agostino, Santana, e Montolivo ancora non si sa cosa farà. La Fiorentina è una società seria, deve stare attenta al bilancio, ma deve fare sforzi per tenere Gilardino, perché quest'ultimo è uno dei pochi che fa la differenza, e sta diventando per Firenze un simbolo. Se i viola vogliono rinascere, non devono fare a meno neanche di Frey. Stravedo per il portiere francese, e credo che prima che si facesse male fosse da paragonare al solo Buffon, se non addirittura migliore di lui. Mi auguro che rimanga anche Montolivo, perché con un portiere serio, uno stopper valido quale è Gamberini, e Gilardino, si potrebbe ripartire per un bel progetto. Calciopoli? Fanno testo le intercettazioni. Se hanno ricevuto penalizzazioni Milan, Juventus e Fiorentina, l'illecito sportivo non si deve prescrivere e quindi anche l'Inter dovrebbe pagare'.