L'ex sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio sta scatenando il caos in Serie C dopo le dichiarazioni rilasciate nel pomeriggio di oggi a GoldWebTv in cui afferma il rapporto di collaborazione del presidente della Lazio, Claudio Lotito, con quello della Casertana, Giuseppe D'Agostino. Un rapporto di collaborazione che nel calcio ci potrebbe stare se non fosse che l'ex numero uno della città campana allarga il discorso alla campagna elettorale e, soprattutto alla compilazione degli ultimi calendari di Serie C in cui Lotito avrebbe giocato un ruolo chiave.

LE DICHIARAZIONI - Queste le dichiarazioni rilasciate da Del Gaudio: "La Casertana ci fa sognare e, come avevo detto viene aiutata dalla Lazio e da Lotito e di questo sono molto contento perchè avevo anticipato l'interesse di Claudio per lo sport locale. È evidente, io non l'ho mai detto, ma adesso sono usciti i calendari ed è evidente che in modo diretto o indiretto ci sia lo zampino di Lotito nel mondo della Casertana. Ho sempre detto a Claudio Lotito e al direttore Gargano che bisognava puntare su Caserta visto che Caserta gli ha dato una mano elettorale importante anche per mio tramite. Mi fa piacere mettere in evidenza come Lotito mi abbia ascoltato da imprenditore accorto qual è e abbia scelto di collaborare con un personaggio di grandissima qualità come il presidente D'Agostino".



LA REPLICA - Pronta la replica del presidente della Casertana che reputa come "gravissime" le allusioni di Del Gaudio: "Giù le mani dalla Casertana! Ricordate come avevo esordito sul palco nella stupenda serata della presentazione della squadra? Lo ribadisco oggi ancora di più. Ora che la Casertana è tornata ad essere una società rispettata e stimata, in tantissimi sono alla ricerca dei riflettori. Di godere della luce riflessa di questi colori. Ma questo non posso permetterlo. Mi spiace che, senza alcun motivo, mi sia ritrovato ad ascoltare un’intervista del dott. Del Gaudio in cui si torna, ancora una volta, su una questione già chiarita e glissata in passata. Con Claudio Lotito non c’è alcun tipo di collaborazione particolare. Basti pensare che l’unico giocatore preso dalla Lazio, è stato da noi pagato come sarebbe toccato a qualsiasi società. Non capisco perché tornare ancora su questo argomento. L’incontro con Lotito non fu favorito da Del Gaudio, ma da altre dinamiche strettamente personali. Un incontro come se ne fanno tanti lavorando ogni giorno a pieno regime. Ciò che mi lascia perplesso è il passaggio dell’intervista relativo ai calendari. Voglio sperare che dietro non ci sia alcuna allusione, perché, in caso contrario, sarebbe una cosa gravissima. Non amo parlare ma non posso permettere che il buon nome della Casertana venga usato a proprio piacimento. Episodi come questo vi fanno capire perché lo scorso 6 settembre avevo voluto ribadire quel concetto”.