264
L'Inter che corre a mille all'ora sul campo vuole ritrovare anche a livello societario e finanziario la solidità dei giorni migliori. Mentre prosegue la trattativa del gruppo Suning con quei soggetti interessati ad acquisire parte o la totalità del pacchetto azionario, si avvicinano sempre di più scadenze ineludibili come quella del prossimo 31 marzo, quando la Uefa dovrà verificare che tutti i pagamenti siano stati regolarmente versati. Secondo quanto riferisce Repubblica, il club è pronto a pagare anche le mensilità di gennaio e anche sul fronte dei pagamenti dilazionati per gli acquisti di alcuni calciatori arrivano notizie rassicuranti.

LUKAKU, NESSUN PROBLEMA - Non trovano conferme infatti i rumors circolati nelle ultime ore circa problemi per il pagamento di un bonus da 1,9 milioni di euro da corrispondere al Manchester United per Romelu Lukaku: esattamente come era avvenuto col Real Madrid per la prima rata da 10 milioni di Hakimi (verrà pagata entro il 31), l'Inter aveva raggiunto nei mesi scorsi un'intesa con gli inglesi per far slittare il versamento della cifra in questione a luglio 2021 ma nelle scorse settimane - precisamente a gennaio - aveva già provveduto a saldare il debito.