Aurelién Tchouameni è considerato un centrocampista del futuro. Perché il Bordeaux sta mettendo in vetrina questa pepita d'oro classe 2000: qualità, quantità, personalità al servizio della squadra, un talento vero che lo scouting dell'Inter ha messo nel mirino da più di un anno tanto da averlo trattato già nella scorsa estate. Un'idea concreta che la dirigenza nerazzurra ha deciso di rimandare: nell'autunno passato c'è stato più di un incontro con gli agenti di Tchouameni, studiata una potenziale operazione low cost da 8 milioni di euro con il Bordeaux che ha improvvisamente cambiato valutazione. DAL MILAN AL PREZZO - Il gradimento di Tchouameni per la destinazione Inter c'è stato già da mesi; il problema è stato proprio il cambio di prezzo da parte del club francese, da dicembre la richiesta è salita a 15/16 milioni di euro fissi vista la crescita esponenziale del giocatore e le richieste che si sono moltiplicate. In particolare, il Watford ha provato a inserirsi e Tchouameni è stato proposto dai suoi agenti anche al Milan, attento ai migliori talenti con la gestione di Leonardo che però ha optato per altri investimenti a gennaio. Un'asta con il prezzo al rialzo quasi di settimana in settimana, l'Inter si è raffreddata e ha preferito attendere ancora: Tchouameni piace, il Milan ha gradito e lo studia da lontano ma ad oggi i nerazzurri rimangono il club italiano più interessato. Pur sapendo che dalla Premier si sono attivate più società e il Bordeaux vuole creare un'asta. Appuntamento a maggio, quando l'Inter studierà le nuove strategie ma il ds Ausilio considera Tchouameni un nome ancora valido. Prezzo al rialzo permettendo...