17
L'Inter apre agli scambi, anche di alto livello. Lo fa con cognizione di causa, perché il prossimo calciomercato per esigenze di Coronavirus costringerà anche i top club a inventarsi operazioni fino a pochi mesi fa considerabili come fantasiose: adesso c'è bisogno di fare plusvalenze e i soldi che girano sono decisamente meno anche tra grandi società, ecco perché Marotta e Ausilio lavoreranno anche su potenziali operazioni allargate con altre squadre. Un metodo di lavoro che entrambi i dirigenti conoscono bene e può portare risultati.


Ascolta "L'Inter dice sì agli scambi importanti: occhio alle sorprese sul mercato estivo" su Spreaker.


VIA LIBERA - Anche Antonio Conte lo approva perché trattenere giocatori scontenti è qualcosa che non accetta per principio. L'Inter avrà diverse questioni delicate da gestire, da Icardi a Nainggolan passando (forse) per Perisic senza scordare i vari Lazaro, Pinamonti, Joao Mario & co. Qui si possono incastrare operazioni allargate: per Icardi c'è già qualche pensiero in tal senso se non venisse riscattato dal PSG, Perisic col Bayern è una potenziale pedina di scambio, l'Inter procederà anche su questa strada che nella scorsa estate aveva preferito evitare in diversi casi perché poco conveniente. Aspettiamoci operazioni anche a sorpresa: sì, sarà anche il mercato degli scambi.