162
L’Inter pagherà gli arretrati per non incorrere in alcuna sanzione. Nel CdA straordinario di questa mattina, il presidente Steven Zhang si è impegnato a tal proposito, promettendo a Marotta l’arrivo di almeno due delle quattro mensilità mancanti, approfittando delle agevolazioni governative che consentiranno ai club di versare solo i netti, dilazionando il lordo in 24 mesi a partire da maggio. Ai calciatori non sono stati corrisposti gli stipendi di luglio/agosto e novembre/dicembre, il 16 febbraio ci sono le scadenze federali e la paura dei dirigenti era proprio quella di non avere a disposizione fondi per evitare il peggio. Anche e soprattutto a questo è servito il confronto odierno, col presidente collegato dalla Cina: “Il Consiglio di Amministrazione dell'Inter "continuerà a supportare il management nella gestione societaria al fine di garantire la stabilità operativa e sportiva del Club”, ha chiarito in una nota il club di viale della Liberazione.
CONFRONTO DIRIGENZA-SQUADRA - La garanzia è che l’Inter non subirà penalizzazioni, ma la società è alla ricerca di nuovi accordi con la squadra, nella speranza di riuscire almeno a rinviare il pagamento di un bimestre, siglando un’intesa collettiva col gruppo che metterebbe nuovamente al sicuro l’Inter nei confronti della Federazione. Le voci a tal proposito sono insistente e pare che già a partire da domani potrebbero esserci i primi confronti ad Appiano Gentile. La crisi economica è severa e l’Inter non è stata risparmiata, anzi… Ma da Zhang sono almeno arrivate le garanzie minime. E adesso toccherà ai calciatori fare un passo verso la società, com’era accaduto già lo scorso autunno.