58
Promosso sempre, con la sensazione che ci sia ancora bisogno di un po' di apprendistato per il grande salto. Ma le relazioni dell'Inter sono tutte positive per Sandro Tonali, il centrocampista del Brescia classe 2000 già nel giro della Nazionale mostra sempre più personalità e margini di crescita davvero importanti. Per questo gli scout nerazzurri ormai da mesi lo seguono da vicino, Marotta e Ausilio sono pronti a entrare in scena ma sanno benissimo che la Juventus è in prima fila da tempo, ha già aperto i dialoghi con l'entourage e con il Brescia per portarlo a Torino e poi cederlo eventualmente in prestito in giro per l'Italia. Siamo ai dialoghi embrionali e non alle proposte ufficiali, ma di certo la Juventus resta su Tonali con forza e lo ha ribadito ai suoi agenti.

L'IDEA DELL'INTER - La strategia di Marotta per la prima offerta dell'Inter sarà differente; contando sui buoni rapporti con il presidente Cellino ormai stabili da anni, il dirigente nerazzurro vuole aprire il tavolo delle trattative con la formula dell'acquisto già nella prossima estate, Tonali prenotato dall'Inter ma lasciato per un anno in prestito proprio al Brescia in caso di promozione. Un modo per non spostare subito il ragazzo dal suo ambiente, concedergli un anno di ambientamento in Serie A e poi portarlo a Milano dalla stagione successiva. Così si inserirà l'Inter in questa corsa decisamente aperta, la Roma senza Monchi al timone (lo aveva trattato...) ha perso posizioni e la Juventus insiste per evitare sorprese. E si proverà a convincere Cellino che fa richieste importanti: base d'asta 35/40 milioni, con l'idea di inserire qualche giovane nell'operazione o di aggiungere una percentuale sulla rivendita di Tonali. Non sarà semplice, l'Inter ha la sua idea e la proporrà al Brescia. Tutto apertissimo, la Juve in prima fila ma Ausilio e Marotta si sono attivati. Perché da maggio sarà anche l'estate di Tonali.