31
Nella sua lettera al Corriere Milano, Nicola Mumoli, primario di Medicina dell’ospedale di Magenta parla apertamente di "discriminazione" nelle operazioni con i test per il coronavirus fra Vip o Calciatori e perfino i dottori.

LA LETTERA - "Gentile redazione, dirigo l’Unità operativa di Medicina dell’ospedale di Magenta da più di due anni dove da settimane, con immenso e costante sforzo dei miei collaboratori, trovano cura oltre 130 pazienti affetti da Covid 19. Una mia collaboratrice, impegnata da subito in questa battaglia e con contatti quotidiani con pazienti affetti da Covid 19 disease, pochi giorni fa si è ammalata, manifestando sintomi e segni tipici della patologia virale; contattati più volte i numeri di emergenza nazionale, le è stato negato il tampone".

FRA CALCIATORI E MEDICI? - "Invece - prosegue - oggi le pagine delle cronache riportano le buone condizioni di calciatori, attori e politici che esattamente come la mia collaboratrice hanno avuto "contatto con persone positive e sintomi da virosi" ma cui, a differenza della dottoressa, è stato eseguito il tampone. Inevitabile il pensiero di chiunque: grande solidarietà con il personale sanitario, striscioni ovunque, slogan buonisti sbandierati da tutti ma di fatto solo discriminazione e ipocrisia. Se si deve scegliere tra un calciatore e un medico non ci sono dubbi e ci sentiamo condannati a sparire sotto quella mascherina che indossiamo ogni giorno con grande fierezza, esercitando un lavoro che mai come ora consideriamo un privilegio".