2
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia""

La dinastia Mac Allister è un'istituzione dell'Asociación Atlética Argentinos Juniors, il club che ha lanciato nella leggenda calciatori come Fernando Redondo, Juan Román Riquelme, ma soprattutto Diego Armando Maradona: una famiglia legata da un fil rouge ininterrotto ai Bichos Colorados, "gli insetti rossi", che in Argentina sono anche conosciuti come El Semillero, "Il Semenzaio", proprio per la prerogativa di fungere da vivaio per i futuri campioni dell'Albiceleste. Argentina, con una spruzzata di Scozia, è la favola che ha portato il giovane Alexis Mac Allister, centrocampista classe 1998, ad affermarsi in Premier League, partendo dalla Pampa

TRA ARGENTINA E SCOZIA - Mac Allister significa Argentinos: il padre Carlos ha giocato in Nazionale da bandiera del club originariamente chiamato "I Martiri di Chicago", in omaggio agli otto anarchici imprigionati e impiccati in seguito alla Rivolta di Haymarket a Chicago. mentre i fratelli di Alexis, Kevin e Francis, giocano tutt'ora lì. Mac Allister però significa anche Scozia, come testimonia il particolare cognome: la famiglia è originaria di Fife, città storica di oltre 300mila abitanti nel cuore dell'antica contea di Glenrothes.

LA MAC ALLISTER SPORTS ACADEMY E I CAPELLI ROSSI - Carlos Mac Allister, nato nel 1968, è una colonna portante del club: ha vestito la maglia del bicho dal 1986 al 1992, prima di trasferirsi al Boca Juniors, e oggi è diventato deputato e delegato governativo con compiti legati allo sport. Il segno caratteristico? I tipici capelli rossi scozzesi, rarità in Argentina, e la rinomata accademia calcistica, fondata proprio nel 1998, anno di nascita di Alexis: la Mac Allister Sports Academy, da cui sgorga il talento dei tre fratelli.
'MAMMA HO PERSO L'AEREO' E IL BRIGHTON - Il meno noto Francis, trequartista classe 1995, poi Kevin, che si chiama proprio come il protagonista di "Mamma, ho perso l'aereo",(Kevin Mac Allister) mitico film che nel 1990 lanciò tra le stelle del cinema un giovane Macaulay Culkin, classe 1997 ed esterno come il padre, ed Alexis, il più giovane e il più forte, cresciuto sotto l'egida del padre scout: mezzala di inserimento e all'occorrenza esterno. 66 presenze, 10 reti con l'Argentinos e il passaggio al Boca, come il papà: da lì poi però il grande salto, nella finestra di mercato di gennaio del 2019, quando viene acquistato dal Brighton per 7 milioni di sterline.

IL PRIMO GOL IN INGHILTERRA E MESSI -"E' molto felice di giocare nel Brighton, ma vuole sempre conoscere anche i risultati del Boca, perché è il club per cui tifa sin da bambino": parole e musica di Carlos, che vede finalmente ripagato il duro lavoro portato avanti da 22 anni. Per Alexis sabato è arrivato il primo gol in Premier, il pareggio al 90' contro il Crystal Palace, festeggiato con grande emozione. La dinastia ora è pronta a riprendersi l'Inghilterra: nel frattempo è arrivato anche l'esordio in Nazionale, al fianco di Leo Messi. Una favola, nel nome del padre.

@AleDigio89