86
Alvaro Morata e un pezzo di futuro dell'attacco della Juve. Il destino dell'attaccante spagnolo deciderà le strategie bianconere nelle prossime settimane, che sul fronte offensivo si prospettano roventi. Al momento, lo spagnolo è un calciatore dell'Atletico Madrid, che continua a chiedere 35 milioni per il riscatto. Richiesta giudicata eccessiva dai bianconeri, che hanno già sborsato 20 milioni per il prestito.

TENTATIVI - Negli ultimi mesi la Juve ha provato a smuovere la situazione con i Colchoneros, senza segnare però passaggi significativi nella trattativa. Il prestito dell'attaccante, già costato 10 milioni all'anno per un biennio, sembra dunque destinato ad estinguersi senza ulteriori colpi di scena. Gli spagnoli attendono, disposti a lasciar andare Alvaro, ma non ad abbassare in maniera notevole le proprie pretese. "Dipende dalla Juve", ha ribadito soltanto pochi giorni fa il presidente del club spagnolo Enrique Cerezo. 
SCENARI - La Juve studia possibili soluzioni e l'Atletico aspetta, consapevole do dover fare i conti anche con la volontà di Morata, deciso nel voler restare a Torino anche a costo di qualche sacrificio. Il finale resta un'incognita e la dirigenza della Juve, per forza di cose, valuta anche altre situazioni. Un nome da tempo nei radar è quello di Gabriel Jesus, brasiliano del Manchester City in scadenza nel 2023. Il City potrebbe trovargli una sistemazione in estate per evitare di perderlo a zero tra un anno, ma per la Juve resta una pista complicata. Come riportato da Tuttosport, un altro profilo è quello di Timo Werner, del Chelsea. Volker Struth, agente che gestisce gli interessi del giocatore, a inizio aprile ha fatto una visita di cortesia nella sede bianconera, accompagnata da qualche scatto in seguito condiviso sui social. Con il Chelsea che potrebbe rivoluzionare il reparto avanzato dopo i cambi in società, Werner può essere uno dei partenti. La Juve studia.