87
Sergej Milinkovic-Savic sarà spesso sulla bocca di tutti nelle prossime settimane. Perché si parla di un giocatore fantastico e determinante, corteggiatissimo da tanti club e per cui Igli Tare non ha alzato muri totali sul fronte cessione: "Vogliamo tenerlo, ma se arriva un'offerta importante per noi e per lui la valuteremo". Niente regali, si sa bene la strategia della Lazio. Eppure neanche una chiusura definitiva. Il PSG rimane in prima fila, la Juventus però da più di un anno sta corteggiando il gigante serbo.

I RETROSCENA - Milinkovic fin qui non ha mai trovato accordi con la Juve, eppure da maggio 2019 ci sono contatti per portarlo a Torino con tutte le difficoltà del caso. Il ds bianconero Fabio Paratici si muove su tanti tavoli, il nome di Sergej stuzzica ed è certamente gradito perché non guadagna quanto Pogba ma può assicurare un potenziale simile. Uomo giusto al posto giusto. Non a caso la Juventus mantiene i contatti per tenersi informata da mesi sul fronte Milinkovic, ma il serbo non si è mai fatto condizionare avendo anche già rinnovato con la Lazio fino al 2024. Basterà per evitare un nuovo assalto estivo? La Lazio è perentoria: il presidente Lotito non vuole fare affari con la Juventus, non intende ascoltare pedine di scambio o sconti, chi vuole Milinkovic deve versare almeno 100 milioni e il giocatore è stato già avvisato. I rapporti gelidi con la Juve fanno il resto, ad oggi non c'è margine per trattare e questo blocca un potenziale affare. Un desiderio bianconero e nient'altro. Con la Lazio che mira a trattenerlo, ancora.