259
Attraverso un post pubblicato sui propri profili social e con un comunicato scritto sul proprio sito web la Juventus ha voluto ricordare la tragedia dell'Heysel, lo stadio che, il 29 maggio 1985 ospitò la finale di Champions vinta contro il Liverpool ma che porta con sé il ricordo della tragedia consumatasi sugli spalti, con la morte di 39 tifosi di cui 32 italiani, in seguito all'attacco degli hooligans inglesi ai tifosi italiani. Parte della curva crollò sotto il peso dei tanti tifosi ammassati e scatenò panico e tragedia.

IL COMUNICATO DELLA JUVE
Quando la memoria va a una tragedia incredibile, come quella che il 29 maggio del 1985 si verificò all’Heysel, in occasione della finale di Coppa dei Campioni che contrapponeva la Juve al Liverpool, le emozioni si accavallano.

Ci sono i ricordi di chi era lì, quella sera, e che difficilmente da allora è riuscito a guardare una partita di calcio con la stessa gioia e la stessa serenità, perché il giorno dell’Heysel è uno di quelli che segna un prima e un dopo.

C’è l’orrore di chi magari nemmeno era ancora nato allora, ma quando guarda quelle immagini, in un documentario, o su Internet, stenta a credere che siano vere, che siano successe.
C’è poi il dramma, sempre vivo, delle trentanove famiglie che quella notte videro la loro vita cambiare. Le famiglie delle vittime, a cui non smetteremo mai di stringerci, nel pensiero e nel ricordo, oggi e tutti i giorni.

Perché l’Heysel è un ricordo che dura – e deve durare – per sempre.