66
L'intrigo per il futuro di Marash Kumbulla continua, tutt'altro che risolto. Perché nella scorsa settimana la Lazio ha incontrato il Verona mettendo sul tavolo un'offerta importante per il difensore classe 2000 che vi abbiamo raccontato: 20 milioni più un giocatore a scelta tra diverse opportunità, una valutazione complessiva da 26 milioni che non ha convinto l'Hellas al punto da stringersi la mano e chiudere. Ecco perché il pallino oggi rimane a Lotito ma il Verona vuole di più, non c'è un accordo concluso nonostante l'ottimismo dei giorni scorsi.
Ascolta "La Juve scopre le carte per Kumbulla: l'Inter cambia strategia, la Lazio non ha ancora chiuso" su Spreaker.
CAMBIO DI STRATEGIA - Il muro del presidente Setti e del ds D'Amico rimane alto: chi vuole Kumbulla deve sborsare oltre 30 milioni bonus compresi, altrimenti non se ne farà nulla. La Juventus ha definitivamente scoperto le sue carte perché non ha mai fatto un'offerta reale e convincente: si è fermata ai contatti, ai dialoghi, ai giovani proposti senza mai veramente avvicinarsi al centrale del Verona, un passo indietro che fa capire anche il tentativo di disturbo nei confronti dell'Inter. E la dirigenza nerazzurra? Kumbulla ha dato priorità all'Inter da gennaio ma l'operazione Hakimi ha rallentato il dialogo con l'Hellas: spendere oltre 70 milioni per i due giovani avrebbe significato arrivare a spese folli, ecco perché l'Inter cambia strategia e valuterà l'idea di tornare su Kumbulla per la difesa solo più avanti, oggi è in stand-by per dare priorità al terzino del Real Madrid. Match point per la Lazio: chiudere subito (ma è tutt'altro che scontato...) oppure tutto si riapre. L'Hellas non fa sconti. E l'intrigo continua...