Commenta per primo
Lo strano caso di Honorato Ederson, arrivato alla Lazio nel 2012 dopo che Lotito l’aveva corteggiato per anni. A costo zero perché a scadenza di contratto, ed un contratto di 1,7 milioni di euro a stagione fino al 2017. In queste due stagioni il brasiliano ha giocato in totale 45 volte: 30 in campionato, 13 in Europa League ed due presenze divise tra Coppa Italia e Supercoppa italiana. Questo significa che in due stagioni ha giocato in serie A meno di un campionato ed è mancato nelle altre 46 partite della massima serie. Peccato, Ederson è un giocatore di grandissima qualità che però non riesce ad esprimere al meglio a causa di un limite fondamentale per un calciatore, la fisicità. Facendo un rapido calcolo: 3,4 milioni di euro netti in due stagioni diviso le 45 partite giocate non tutte dal primo minuto fanno 53.333 euro a presenza. Può la Lazio permettersi un lusso così grande? La colpa però non diamola al calciatore, lui ce la mette tutta per guarire e per farsi notare, ma la sua storia ed il suo Curriculum Vitae parlava chiaro, tutti sapevano che aveva dei problemi fisici importanti che non potessero garantire una presenza fissa. Ora a Formello però è scoppiato un mini caso: Ederson su instagram ha postato una foto nella quale si allena da solo, un tifoso gli ha chiesto se fosse nuovamente infortunato e lui ha risposto: ‘Non è vero! Sto bene, mi sto allenando, ma devo pazientare e rispettare le decisioni della società e dello staff tecnico’. Ciò significa che il giocatore, essendo guarito - come sostiene - potrebbe allenarsi senza problemi con la squadra ed essere convocato ma, finora non è accaduto e lo stesso sta rispettando la decisione della società e dello staff tecnico. Questo accadeva l’altro ieri, nei due giorni seguenti il giocatore non ha cambiato le sue abitudini, ha lavorato a parte, facendo allenamento differenziato. Tutti si chiedono: perché Ederson dovrebbe nascondere un problema, l’ennesimo dicendo che sta bene se poi il campo parla di lavoro per recuperare lo stato di forma che ora non c’è e nel caso non ci fosse un problema e perché la Lazio dovrebbe far lavorare a parte un giocatore che se sta bene può dare una mano alla Lazio? Forse per problemi con l’allenatore o perché ha rifiutato dei trasferimenti? Il solito mistero di Formello anche se incomprensibile anche perché gli esuberi, Cavanda e Ciani, finora si sono allenati agli ordini di Pioli…in attesa del rientro di tutti i nazionali.