1
Come si può far segnare Lewandowski ai livelli visti con il Bayern Monaco? Questa è stata la missione che il presidente della federcalcio polacca Zibì Boniek ha assegnato a Paulo Sousa quando a gennaio ha scelto di affidargli il ruolo di ct della Polonia al posto dell'esonerato Jerzy Brzeczek. Da allora in zona gol la nazionale polacca è cresciuta in zona gol alternando difesa a 3 a difesa a 4, incassando però un ko per 2-1 contro l'Inghilterra nell'unica gara senza l'infortunato Lewandowski.  Da qui bisogna partire per inquadrare una nazionale che potenzialmente può fare benissimo ma che, puntualmente, arrivata agli appuntamenti che contano si è sciolta come neve al sole. Ad esempio nel 2008 e nel 2012, le prime due partecipazioni ufficiali agli Europei terminate ai gironi con grande delusione e nel 2016 quando si arresero ai quarti contro il Portogallo ai calci di rigore. Inserita nel girone E con Slovacchia, Spagna e Svezia, l'obiettivo minimo è inevitabilmente quello di superare la fase ai gironi con "fede, speranza e convinzione" usando le parole di Sousa, ma soprattutto con un super Lewandowski.

LA ROSA 

PORTIERI: Fabianski, Skorupski, Szczesny

DIFENSORI: Bednarek, Bereszynski, Dawidowicz, Glik, Helik, Kedziora, Piatkowski, Puchacz, Rybus

CENTROCAMPISTI: Frankowski, Jozwiak, Klich, Kozlowski, Krychowiak, Linetty, Moder, Placheta, Zielinski

ATTACCANTI: Kownacki, Lewandowski, Milik, Swiderski, Swierczok​

IL CAMMINO - La Polonia arriva alla fase finale dell'Europeo dopo un percorso di qualificazione praticamente netto in cui, con 8 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta ha conquistato il primo posto nel gruppo G davanti ad Austria, Macedonia del Nord, Slovenia, Israele e Lettonia. 18 i gol segnati a fronte dei 5 subiti e l'unica sconfitta subita per 2-0 a Lubiana contro la Slovenia. Da allora è cambiato molto a partire dalla panchina perché da gennaio 2021 la palla è passata da Jerzy Brzeczek​ all'ex centrocampista di Juve e Inter, nonché ex allenatore della Fiorentina, Paulo Sousa.


IL CALENDARIO:

14 giugno, ore 18.00 - Polonia-Slovacchia (San Pietroburgo) 

19 giugno, ore 18.00 - Spagna-Polonia (Siviglia)

23 giugno, ore 21.00 - Svezia-Polonia (San Pietroburgo) 


LA STELLA - Se non si fosse ancora capito, Robert Lewandowski è il perno attorno a cui tutto può e deve girare. L'asso del Bayern Monaco, autore di 41 gol in Bundesliga che valgono il nuovo record assoluto di gol segnati in una singola stagione è quell'attaccante che poche altre realtà possono vantare. 3-4-1-2, o 4-3-1-2, la certezza è che lì davanti toccherà sempre e solo a lui. Alle sue spalle o al suo fianco c'è grande attesa anche per i tanti italiani convocati a partire dal fantasista del Napoli, Piotr Zielinski. Possibili sorprese da seguire durante il torneo sono sicuramente il 17enne Kozlowski del Pogon e il 20enne Piatowski che sono già corteggiati da numerosi club italiani ed europei.