28
Lautaro Martinez, attaccante dell'Inter, ha raccontato il suo momento a Sky Sport: "Ho parlato tanto con la mia famiglia, siamo contenti qua, ci troviamo bene. Milano è una città che mi piace tanto, poi anche i progetti della società mi sono piaciuti. Sono contento di essere rimasto".

MATURAZIONE - "Sono diventato padre, magari sono maturato tanto in campo e fuori, poi cerco sempre di migliorare, tanto come uomo che come giocatore. A volte mi arrabbio presto, ma cerco di stare tranquillo".

OBIETTIVI - "Abbiamo lo scudetto sul petto, è importante, dobbiamo difenderlo. Stiamo lavorando, facendo quello che chiede il mister. Sul campo cerco di dare una mano ai compagni, a volte segno a volte no. Io sto bene, mi trovo bene con i compagni: è importante perché vuol dire che siamo tutti concentrati".

INZAGHI - "Mi sta dando una grande mano, mi chiamava già quando ero in Copa America: abbiamo parlato tanto al telefono, mi ha aiutato tanto. Io cerco sempre di imparare tanto dagli allenatori perché hanno esperienza e cercano di fare il meglio per noi giocatori".
ROMA E REAL MADRID - "Stiamo preparando la gara con Roma, una squadra forte, con un allenatore che fa giocare bene a calcio. Ora cerchiamo di riposarci bene, poi andremo all'Olimpico per fare il nostro gioco; ci sarà un ambiente caldo, sarà una partita per dare un segnale al campionato. A Madrid dobbiamo andare a vincere, sicuramente se vinciamo sarà un segnale per noi, sarà importante per continuare a crescere".

Poi a Sport Mediaset ha aggiunto: "Messi mi voleva al Barcellona? Sì, è vero, con lui abbiamo parlato tante volte in Nazionale. Mi parlava della situazione a Barcellona, ma io sono sempre stato tranquillo, ho sempre parlato con la società per trovare un accordo, perché sono felice qui. Sono felice di essere rimasto, perché mi trovo bene qui e anche la mia famiglia.

SU LUKAKU - "Non lo so, è una scelta personale. Lui era contento qui, gli parlavo tanto. Ha scelto di andare perché se la sentiva".