2
Il primo reparto da puntellare, o meglio rifondare, sarà la difesa. In questo settore del campo la Lazio ha perso De Vrij (con l'incognita legata al suo rientro), deve far crescere Hoedt e non ha ricevuto rassicurazioni importanti da Bisevac, Mauricio e, dal versante sinistro, Gentiletti. La dirigenza biancoceleste sta ragionando su difensori che abbiano sperimentato già la Serie A, acquisti che al primo anno già possano muoversi nella massima serie nostrana senza bisogno di ambientamento. La situazione Tonelli si è complicata: il giocatore è molto legato all'Empoli, e al netto della vicinanza tra il procuratore e la dirigenza-Lazio, a fronte di offerte importanti vorrebbe aiutare i toscani a ricavare la cifra maggiore possibile dal suo cartellino. Un nome molto caldo, come da indiscrezioni raccolte da CM, è quello di Francesco Acerbi del Sassuolo. 28 anni, piede sinistro (in sostituzione di Gentiletti dunque), 32 presenze in questa stagione: la Lazio per prelevarlo sarebbe disposta ad arrivare a 9-10 milioni. La strada per l'Emilia è spianata, la squadra biancoceleste ha prospettato al giocatore un ingaggio doppio rispetto a quello attuale (un milione all'anno a fronte dei 500mila euro attuali), per cautelarsi se Tonelli dovesse accettare altre offerte. Tempo di cambiare, dal reparto più in difficoltà in questa stagione, la difesa: ecco il senso dell'operazione Acerbi.