1

La prestazione di Keita ieri pomeriggio ha mandato in sollucchero i tifosi della Lazio. 'Dopo la partenza di Hernanes si stava un po' in trepidazione perchè non si sapeva come potesse reagire il ragazzo, dato il carico di responsabilità che avrebbe dovuto portare sulle spalle, ma io questi dubbi non li avevo - ha affermato l'agente dell'attaccante biancoceleste, Ulisse Savini, a Radio Radio -. Il ragazzo lo conosco bene, ci ho parlato prima della partita: era molto carico, sapeva di avere buone possibilità di fare bene. Keita nel 4-2-3-1 di Reja prende la posizione che prima copriva Hernanes, ma lui e il brasiliano sono due persone completamente diverse: Hernanes è un giocatore che si accentra mentre Keita è un esterno d'attacco, come Candreva dall'altra parte. Conosco Roma e la pressione mediatica: per la società credo che l'intento sia quello di fargli leggere il meno possibile i giornali. Secondo me ricorda il primo Nani, quando esplose nello Sporting Lisbona e lo acquistò il Manchester United. Keita ha un contratto sino al 2017, quindi è difficile che si possa parlare di rinnovo sino al 2016. Qualora la Lazio decidesse di aumentargli lo stipendio è chiaro che non ci sarebbe problema, ma per ora va bene così'.