Commenta per primo

L'attuale direttore tecnico dell'Atletico Arezzo Beppe Materazzi, ospite ai microfoni di Radio Rosa, ha analizzato il momento della Fiorentina, reduce dall'amara sconfitta casalinga contro la Lazio. 'Behrami nel nuovo ruolo di regista si sta trasformando in un trascinatore che si galvanizza e galvanizza il gruppo - ha affermato l'ex tecnico di Lazio e Bari -. L'ex laziale dà qualità e quantità, ha spirito di sacrificio, e ha trovato nella duttilità tattica il suo pregio. La Lazio in campionato continua a sorprendere. Ho visto una bella partita al Franchi, sono emersi valori importanti, nonostante le polemiche che hanno circondato l'ambiente delle squadre di Reja e Mihajlovic'.

'Jovetic si è dimostrato una prima punta moderna, e la squadra si sta conformando alle caratteristiche del suo allenatore - ha concluso Materazzi -. L'anno scorso è stata una stagione interlocutoria, in cui la squadra capiva poco un tecnico completamente diverso dal precedente. Mihajlovic è un uomo diretto, che magari dice le cose in maniera burbera, ma evidentemente, ad eccezione della sconfitta con la Lazio, lo spogliatoio ne ha recepito i metodi. Se fossi ancora un allenatore di alto livello e mi chiedessero di scegliere un giocatore per parte fra Fiorentina e Lazio, farei i nomi di Jovetic e Klose. Mi dispiace non aver visto Diakité: è un anno che lo sponsorizzo, e lo considero una forza della natura. Con Dias può maturare tantissimo, e con un mio amico, Antonio Antonucci, a sue spese fa una preparazione specifica supplementare per ripassare i fondamentali. Quindi il ragazzo ha valore tecnico ma anche umano'.