5
La Lazio inzia col botto il girone F di Champions League. I biancocelesti spazzano via tutte le critiche post Sampdoria con una prestazione magistrale contro la squadra più qualitativa del gruppo, ovvero il Borussia Dortmund. Risultato importantissimo.

Strakosha 6,5: partita nettamente migliore rispetto alle ultime uscite per il portiere albanese. A più riprese il classe ’95 è determinante su Haaland, ma soprattutto al 20’ a tu per tu con Guerreiro.

Patric 6: è tornato il Patric soldatino che piace tanto a Inzaghi. Tanta applicazione e concentrazione. Non va sopra il 6 a causa del pallone che perde al 71’ e porta al gran gol di Haaland. Per fortuna la squadra biancoceleste ha trovato poi il 3-1.

Luiz Felipe 7: Il brasiliano è stato chiamato in causa da Inzaghi dopo un mese di stop e ha risposto alla grande. Bene in marcatura su Haaland e determinante sul gol del 2-0. Il suo tocco inganna l’incerto Hitz che si butta la sfera nella propria porta. (Al 51’ Hoedt 6: entra al posto di Luiz Felipe e non sbaglia nulla. Buona risposta dell’olandese).

Acerbi 6,5: centro o sinistra per lui non fa differenza nella retroguardia. Il Leone è stato una garanzia anche stasera, nonostante di fronte avesse un cliente scomodo come Sancho, nettamente più veloce. Il solito Acerbi determinante.

Marusic 6,5: molto bene anche Marusic. Nel primo tempo il montenegrino viene chiamato poco in causa in fase offensiva. Qualcosa in più nel secondo tempo, ma tatticamente sulla fascia destra sbaglia poco o nulla.

Milinkovic 6,5: il Sergente domina fisicamente. Attento in copertura e non sbaglia nulla in fase di impostazione con suggerimenti e lanci da calciatore di un altro livello. (Al 67’ Akpa Akpro 7: nonostante lo scetticismo di iniziò stagione, l’ivoriano si sta accaparrando la fiducia di tutto. Stasera entra e chiude il match con una falcata in contropiede premiata dal tocco di sinistro di Immobile).
Leiva 7,5: semplicemente un muro. Sono ben 9 i recuperi palla effettuati dal regista brasiliano (11 se si contano altri due intercetti). Prestazione sontuosa dell’ex Liverpool, che annulla qualsiasi trama di gioco degli avversari.

Luis Alberto 7,5: partita da Luis Alberto. Il Mago illumina il terreno di gioco dell’Olimpico tra lanci d’esterno e altre mirabilie. Gli manca solo il gol (ci prova come al solito da angolo). Serviva una risposta, e questa è arrivata. El Diez l’ha fatta da padrone dalla cintola in su. (All’80’ Parolo: s.v.).

Fares 6,5: c’era qualche dubbio sulle condizioni dell’ex Spal, ma quest’ultimo ha risposto benissimo, soprattutto in difesa con ottime chiusure. Non resta che affinare la tecnica per i cross, ma quando si vince va bene tutto.

Correa 5,5: l’assist per Immobile sull’1-0 è delizioso, ma dopo sbaglia troppo. Spreca molti contropiedi e l’errore al 28’ davanti a Hitz è perdonabile solamente grazie al risultato. (Al 67’ Muriqi 6: il Pirata entra, tiene palla, fa sponda e prende fallo, proprio quello che serviva a Inzaghi).

Immobile 8: partita da vero top player e capitano. La Scarpa d’Oro si è vendicato alla grande con la sue ax squadra. Un gol, un assist e la solita prestazione infaticabile. Il bomber biancoceleste risponde così alle critiche ingenerose delle ultime settimane. (All’80’ Caicedo: s.v.).

All. Inzaghi 7,5: Il tecnico piacentino non sbaglia nulla e annienta il collega Favre tatticamente. Ogni scelta lo premia. È la sua vittoria. 

BORUSSIA DORTMUND
Hitz 4,5: Piszczek 5 (Al 65’ Brandt 5,5), Hummels 5, Delaney 5, Meunier 5, Bellingham 5 (Al 45’ Reyna 6) : Witsel 5,5, Guerreiro 6, Reus 5 (Al 78’ Reinier) Sancho 5,5: Haaland 6,5. All. Favre 5.