Commenta per primo

Di sicuro la Lazio di quest'anno è migliore di quella dello scorso campionato: i biancocelesti infatti per sei mesi non hanno potuto contare su Ledesma, Firmani e Stendardo, che sono rientrati nel periodo in cui Floccari, Biava e Dias sono arrivati nella Capitale. Questi sei giocatori non possono essere di certo annoverati tra i nuovi acquisti, perché di fatto non lo sono, ma averli per una stagione intera cambia la storia di una squadra.

La campagna acquisti/cessioni ha avuto momenti di entusiasmo, con l'acquisto di Hernanes dal San Paolo e la cessione di Kolarov per 18 milioni di euro, e momenti meno felici, come gli affari saltati di Boateng e Almeida e ultimo quello di Roque Santa Cruz, che doveva addirittura fare le visite mediche nella giornata di ieri. Alla Lazio mancano almeno tre giocatori: un difensore centrale veloce che possa essere da alternativa a Radu (o addirittura che possa giocare da titolare viste le difficoltà palesate contro la Samp), un centrocampista di contenimento che possa dare una mano a Ledesma e Matuzalem, e un esterno sinistro (Garrido non convince e Del Nero ha spesso problemi fisici).

La squadra di Reja non può dirsi di certo completa, anche se rispetto alla passata stagione ha maggiore qualità a metà campo e più posibilità di arrivare alla porta avversaria. Zarate dovrà ritrovarsi, mentre Floccari confermarsi sugli standard della scorsa stagione. Davanti alla compagine costruita da Lotito e Tare ci sono molte squadre più forti: l'obiettivo è arrivare in Europa League, ma non sarà così semplice, molte variabili dovranno coincidere. Di certo c'è che una stagione peggiore di quella passata sarà impossibile da ripetere.

L'ottima operazione in uscita di Kolarov ha portato nelle casse biancocelesti molti soldi: alcuni sono stati reinvestiti per un grande colpo come Hernanes, altri per operazioni minori. A mercato chiuso si può dire con certezza che Lotito poteva fare qualcosa in più, soprattutto nel ruolo in cui Kolarov ha lasciato un buco importante. Né Garrido né Del Nero sono giocatori all'altezza del predecessore, ma sostituire il serbo con un collega forte almeno come lui era praticamente impossibile. I tifosi sperano in un veloce ambientamento di Garrido o nella sorpresa Luis Pedro Cavanda. Il giovane esterno destro, che Reja ha provato più di una volta sulla fascia opposta, ha fatto una buona prova nei minuti che ha giocato a Genova, e potrebbe avere un'altra occasione nella prossima giornata.
 
Acquisti: Gonzalez (c, Nacional Montevideo), Pintos (d, San Lorenzo), Bresciano (c, Palermo), Kozak (a, Brescia), Hernanes (c, San Paolo), Fernandes Rosario Pedro Vitorino (a, Benfica), Garrido (d, Manchester City).
 
Cessioni: Eliseu (c, Malaga), Zauri (d, Sampdoria), Mendicino (a, Ascoli), Baronio (c, svincolato), Carrizo (p, River Plate), Faraoni (d, Inter), Pintos (d, Getafe), Hitzlsperger (c, West Ham), Makinwa (a, Larissa), Siviglia (d, svincolato), Dabo (c, svincolato), Cruz (a, svincolato), Kolarov (d, Manchester City), Cribari (d, Napoli).