Commenta per primo
Al termine della prima seduta odierna nel ritiro di Auronzo di Cadore ha parlato ai microfoni ufficiali della Lazio il terzo portiere Marco Alia. Tra le varie tematiche toccate, ecco come si è espresso il classe 2000 sui compagni di reparto e sul suo futuro: "Con gli altri portieri? Sono tutti ragazzi umili e lavorano tantissimo. Loro possono darmi tantissimo anche nel modo di approcciare il lavoro. Marius è mio compagno di stanza e ci parlo tantissimo. Reina? Pepe è un ragazzo d’oro, in allenamento scherziamo e ridiamo. Ci incoraggiamo tutti a vicenda, ed è bellissimo. Mister Grigioni è molto serio, spesso ci pensiamo noi a smorzare la tensione".

Sul futuro: "Obiettivi? Dovrò capire cosa farò, dopo un anno credo sia giusto andare in prestito per giocare e mettermi in mostra. Ovunque andrò spero di poter fare bene per giocarmi poi le mie carte. Linea a 4? L’anno scorso si puntava sulla bucata interna, quest’anno sarà un gioco più lineare e la bucata si cercherà se sarà evidente. Adesso si gioca con calma lavorando dalla difesa con terzini e centrali. Ora c’è molta attenzione alla bravura del portiere con i piedi, è fondamentale perché altrimenti si fa fatica. Io credo che posso ancora migliorare, ho una buona base ma bisogna lavorare tantissimo anche in base ai moduli".