5
Si avvicina una gara importantissima per il prosieguo dell'avventura in Champions League per la Lazio. Domani si giocherà la terza giornata del gruppo F, e i biancocelesti saranno ospiti del fanalino di coda del girone, lo Zenit San Pietroburgo. Guai ad abbassare la guardia contro i russi, i quali avranno praticamente l'ultima chance per dire la loro nel girone, ma Inzaghi dovrebbe tirare un sospiro di sollievo. Rispetto a Bruges ci dovrebbe essere tutto il gruppo già partito per Torino a disposizione più Marusic. Assenti, invece, Lazzari, Luis Alberto, Escalante, Djavan Anderson, Vavro (fuori lista). Lavoro differenziato per gli infortunati di lungo termine Radu e Lulic.

LE PROVE ANTI ZENIT - Stamattina Inzaghi ha stupito un po' tutti. Nella rifinitura andata in scena a Formello, il tecnico piacentino ha schierato due formazioni contrapposte: il 3-5-2 biancoceleste contro il probabile 4-3-3 dello Zenit. Tra i primi figuravano gli stessi interpreti di Torino tra porta e difesa: Reina con davanti Luiz Felipe, Hoedt e Acerbi. A centrocampo sulla destra a meno di soprese tornerà Marusic. Al centro della linea a cinque Inzaghi ha provato Milinkovic, Parolo e Akpa Akpro. Sulla sinistra ancora Fares. Davanti, infine, il tecnico piacentino a sorpresa ha affidato la casacca a Pereira e Muriqi. Quest'ultimo si giocherà fino alla fine il posto con Immobile (se verrà confermato negativo dal test Uefa) ma anche con Caicedo che scalpita in panchina dopo l'ennesimo gol allo scadere di due giorni fa.
Probabile formazione:
Lazio (3-5-2)
: Reina; Luiz Felipe, Hoedt, Acerbi; Marusic, Milinkovic, Parolo, Akpa Akpro, Fares; Pereira, Muriqi.

A disp.: Alia, Patric, Franco, Pica, Armini, Cataldi, Leiva, Czyz, Correa, Caicedo. All.: Inzaghi.