La Lazio ha bisogno di Inzaghi. Come riporta il Messaggero, ora starà al mister fare da psicologo di un gruppo che è arrabbiato, frustrato, in difficoltà fisica e mentale. Ecco perché il tecnico, dopo aver parlato di rabbia davanti alle telecamere, nello spogliatoio a Cagliari ha provato a calmare i suoi ragazzi. Il gruppo è elettrico, Immobile non riesce a capacitarsi, c'è sgomento anche tra i senatori, come Leiva e Nani, abituati ad altri palcoscenici.

LA LAZIO PENSA MALE - Lo ha detto Tare, lo ha ribadito anche Murgia: certi episodi ti portano a pensare male. Il mister lo sa, per questo ha provato a riportare il sorriso e la tranquillità nello spogliatoio. Questa è la sua cura contro il periodo no. Il modulo e gli uomini non si toccano, fiducia assoluta. L'ambiente biancoceleste è in ebollizione, domenica è prevista anche una plateale protesta, una manifestazione a Via Allegri. Inzaghi prova a fare da psicologo, con il sorriso. Il momento è decisivo, i tifosi sperano che lo sia anche la sua cura.