Commenta per primo
Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi ha parlato in conferenza alla vigilia della sfida con il Bologna.

BOLOGNA - "Nel nostro campionato non ci sono partite semplici. Domani andiamo ad affrontare una squadra ferita, che ha perso a Bergamo ma che viene da ottime prestazioni e risultati. Donadoni lo conosciamo tutti, ci complicherà le cose".

TURNOVER - "Sarebbe bello farla dopo l'ultimo allenamento la conferenza. Abbiamo fatto un buon allenamento stamani, ma c'era ancora un po' di stanchezza. Abbiamo un paio di situazioni da valutare. Radu ha un po' di febbre, vediamo nella sgambata di domattina. Rientra Lukaku tra i convocati. Wallace, Basta, Felipe Anderson e Mauricio, che ha avuto un'elongazione, sono invece out".

DONADONI - "Donadoni non lo scopriamo oggi. fa giocare molto bene le priprie squadre. Ci creerà difficoltà, ha a disposizione giocatori con qualità tecniche importanti. Possono adottare vari moduli, come il 3-5-2, schema sul quale abbiamo lavorato oggi".

RAZZISMO - "Penso che la Lazio come società e anche i tifosi nella storia abbiano sempre messo in atto iniziative contro il razzismo. Anche questa volta è successo così. Rispetto a domenica credo che tutto sia riconducibile a poche mele marce".

IMMOBILE - "Margini di miglioramento? Tocca a lui dirlo, ha voglia di lavorare, può farlo, è del '90, può migliorare. Dipenderà da lui, ma non ho dubbi perché è sempre uno dei primi ad arrivare al campo. Ci può ancora dare tanto".

GARE RAVVICINATE - "Non bisogna guardare la classifica ma l'avversario che si va ad affrontare. Il tempo scarseggia, ma i miei ragazzi hanno dimostrato di saper lavorare bene anche in pochi giorni".

NANI - "Penso che abbia dimostrato di stare bene, si è integrato molto bene in questa realtà. Nella Lazio ci sono giocatori importanti, ma io sono contento di lui, come di Caicedo, di Palombi e aspetto anche il rientro di Felipe Anderson. Spero di recuperare tutti il prima possibile e poter così tornare a scegliere gli uomini da mandare in campo. Cosa che spesso non ho potuto fare per vari infortuni".