10
Stessi giocatori, stessi errori: le parole di Francesco Acerbi hanno lasciato un segno profondo nel mondo Lazio. Un'analisi dura, ma necessaria, da vero leader: l'ex Sassuolo ha criticato la mancanza di cattiveria della squadra biancoceleste. 

RAMBAUDI STA CON ACERBI - L'ex Lazio Rambaudi, sulle frequenze di Radiosei, ha analizzato il momento Lazio, ricalcando la posizione del difensore: “Le parole di Acerbi in Nazionale? Ha dato delle risposte, confermando quanto in molti pensano. La Lazio in estate doveva cambiare di più, doveva aggiungere profili utili per aumentare attenzione e voglia. È una cosa logica e fisiologica, riguarda ogni sfera della vita. Aggiungere per migliorare e crescere. Se l’obbiettivo è quello di migliorarti devi fare questo. Sono contento che all’interno ci sia una presa di coscienza. Quella di Acerbi va letta come una critica, i giocatori sono rimasti gli stessi così come i problemi. Tra l’altro quando un gruppo di lavoro resta sempre lo stesso può subentrare anche un po’ di monotonia. In questo ci metto dentro anche Inzaghi, anche lui doveva contribuire a migliorare questa squadra”.