Commenta per primo
La Lazio Primavera sta facendo davvero fatica, galleggia nelle zone bassissime della classifica, ma l'austriaco Dejan Sarac sta facendo una buona stagione. Ai microfoni di ‘laola1.at’ ha raccontato la sua stagione e la Lazio, prima del match contro i connazionali del Salisburgo: “Sono entrambe ottime squadre, ma penso che la Lazio sia più forte del Salisburgo”. Ha scelto la Lazio per alcuni motivi specifici: “Nel 2015 tanti club mi hanno cercato (Liverpool e Dortmund, ndr), ma la mia scelta è ricaduta sulla Lazio. Mi hanno presentato l’offerta migliore, si occupavano specificamente di cose che altri non avevano e mi hanno proposto un contratto a lungo termine”. 

STAGIONE - Tutto in poche parole, le sue difficoltà di ambientamento, le lungaggini burocratiche: “Inizialmente l’ambientamento è stato difficile a causa della lingua e del passaggio dal calcio austriaco a quello italiano. La differenza più grande sta nell’aspetto tattico, in Italia è molto enfatizzato. Ho dovuto aspettare sei mesi per la mia idoneità, nel frattempo ho seguito un corso d’italiano. In Primavera siamo davvero un’ottima squadra, ma manca qualcosa che ci unisca”.

FUTURO - Un punto sul futuro: “Rimanere alla Lazio o andare altrove? È tutto aperto, io però sono concentrato solo sul lavoro. Mi sto allenando bene, migliorando giorno dopo giorno, questo è ciò che ho in testa. Se vai in una grande squadra nessuno ti regala nulla, devi lottare per ottenere risultati, devi allenarti molto se vuoi ottenere qualcosa. Devi sapere da solo quando andare a dormire e se vuoi andare avanti, devi occuparti di te stesso, mangiare sano e lavorare sei ore al giorno”.