12

Candreva torna, Candreva parte, Candreva resta. Il tormentone dell’estate biancoceleste è ufficialmente entrato nel vivo col ritorno a Formello del centrocampista romano, reduce da oltre un mese di vacanza. Maglietta bianca e viso scuro, Candreva si è presentato ieri alla Paideia per le rituali visite mediche e poi si è allenato agli ordini del nuovo allenatore Stefano Pioli. Da settimane, ormai come riporta Il Tempo, attende il rinnovo del contratto. Ma negli ultimi giorni qualcosa è cambiato.

Le voci su un futuro lontano da Roma – ingigantite dalle ambizioni Champions confessate da Candreva in Brasile durante il Mondiale – restano vive. Ma l’ultimo confronto con il presidente Lotito – fortemente intenzionato a trattenerlo per rispettare le promesse fatte al popolo biancoceleste – sembra aver convinto il romano. Candreva resterà a Formello, ma solo se la Lazio saprà accontentare le sue richieste: un adeguamento dell’ingaggio – da 1,2 a due milioni a stagione più bonus – e una clausola rescissoria per andare via tra un anno. La cifra va ancora stabilita, ma potrebbe aggirarsi attorno ai 30 milioni di euro.

Lotito ha rassicurato Candreva e gli ha promesso un incontro, ma finora l’attesa del romano non è stata premiata. Sullo sfondo, come confermato pochi giorni fa dal suo agente Federico Pastorello, restano diverse squadre: 'La situazione è semplice – ha spiegato il procuratore – tanti club hanno mostrato interesse, due o tre società hanno anche presentato un’offerta ma la Lazio per il momento resiste. Trenta milioni? Lotito chiede qualcosa in più, forse per ritenerlo incedibile'. E in effetti la Lazio vuole almeno 35 milioni per privarsi del romano. Una cifra importante, al momento inaccessibile per qualsiasi club italiano.

Il Napoli ha sondato il terreno, come rivelato dallo stesso presidente De Laurentiis. Ma il tentativo più importante è stato fatto dalla Juventus, disposta a mettere sul piatto 23 milioni cash o 15 milioni più Ogbonna o Giovinco. Offerte ritenute inadeguate e subito rispedite al mittente da Lotito. Del resto, al momento il club bianconero non ha disponibilità per far partire l’assalto. Se dovesse cedere un big – il principale indiziato è Arturo Vidal, dal quale Agnelli vuole ricavare almeno 50 milioni – lo scenario muterebbe. Il primo nome sulla lista di Allegri è Lavezzi, per cui il Psg chiede 25 milioni. Il resto dei soldi potrebbero però essere utilizzati per convincere Lotito a cedere Candreva. Ecco perché, se vuole blindare il romano il presidente biancoceleste deve fare in fretta.