Commenta per primo
Senad Lulic, capitano della Lazio, ha parlato in conferenza stampa, durante il ritiro di Auronzo di Cadore: "Il nostro obiettivo resta lo stesso. La Lazio non è da ottavo posto come accaduto lo scorso. Dobbiamo imparare dai nostri errori per non confermare il piazzamento della passata stagione. La rosa di quest’anno è molto lunga, utile per raggiungere i nostri obiettivi e per giocarci la qualificazione in Champions al meglio. Speriamo di arrivare fino in fondo con una squadra che possa lottare e che possa restare sana, preservata da infortuni per centrare l’obiettivo Champions League. Tra di noi c’è sempre stata serenità e tranquillità, il gruppo è spettacolare ed unito fuori e dentro il campo. Ci sono sempre delle partite che non vanno alla perfezione: per arrivare in Champions serve un cammino perfetto, noi vogliamo arrivarci e proveremo a superare anche le squadre forti che competono per questo traguardo". 

SUL MERCATO - "Sono arrivati calciatori di valore in questa finestra di mercato e speriamo che restino tutti i giocatori presenti oggi ad Auronzo: la competitività fa bene a tutti, solo così possiamo arrivare in fondo. La testa c’è sempre, noi non entriamo mai con la mentalità per perdere una partita. Nell’arco di una stagione ci può stare qualche sconfitta, come accaduto con la SPAL e con il Sassuolo: dobbiamo migliorare per disputare ogni match come se fosse l’ultimo dell’annata. Oggi giocare in Serie A contro qualsiasi avversario non è semplice. L’importante sarà dare sempre il massimo, ma sappiamo che ci potrebbero essere nuovamente dei momenti negativi. La concorrenza fa bene a tutti, solo così si può migliorare a livello di squadra. Se la rosa resterà questa e se arriverà anche qualche altro giocatore, saremo sicuramente a buon punto". 

SUL CAMPIONATO - "Negli ultimi anni noi e la Juventus ci siamo divisi le coppe. Stiamo pensando alla Supercoppa, ma dobbiamo ancora capire quando si giocherà. Ci farà piacere giocare un’altra competizione e speriamo di vincere, ora però dobbiamo pensare alla preparazione per il campionato. Lo scorso anno siamo partiti con Napoli e Juventus alle prime due giornate di Serie A, ma prima o poi bisogna incontrare tutte le compagini del campionato. Le squadre che lavorano meglio durante la preparazione si troveranno pronte per le prime giornate".