Commenta per primo
La battaglia legale tra Vladimir Petkovic e la Lazio sta per scoppiare. Il ricorso contro il licenziamento «per giusta causa» deciso lo scorso 4 gennaio dal presidente Claudio Lotito è pronto e partirà la prossima settimana. Il tecnico bosniaco - come riporta Il Tempo - chiederà circa un milione alla società biancoceleste: 460mila euro per gli stipendi non percepiti da dicembre in poi, più i (presunti) danni d’immagine subiti dalla vicenda.
Petkovic, avvistato non a caso a Roma in questi giorni e difeso dall’avvocato D’Onofrio, non ha dubbi sull’esito della causa davanti al giudice del lavoro. Secondo l’allenatore bosniaco, dalla prossima estate selezionatore della nazionale svizzera, la Lazio ha arruolato Edy Reja prima del suo licenziamento (il tecnico goriziano ha cominciato ad allenare il 30 dicembre, dirigendo tra l’altro un’amichevole il successivo 3 gennaio, mentre Petkovic è stato congedato soltanto sei giorni dopo) contravvenendo alle regole federali. Per convincere il giudice del lavoro e confutare le parole del presidente Lotito su un suo presunto disinteresse manifestato negli ultimi mesi a Formello, l’ex allenatore della Lazio chiamerà a testimoniare i giocatori biancocelesti. Il processo partirà con ogni probabilità prima dell’estate. Il giudice dovrà innanzitutto fissare un’udienza per l’obbligato ma decisamente improbabile tentativo di conciliazione tra le parti. Poi il dibattimento entrerà nel vivo: Petkovic non è disposto a fare sconti.