Commenta per primo

Ormai da giorni è diventata l'attrattiva principale del club biancoceleste. Oggi a Formello alcuni tifosi hanno potuto scattarsi le foto con l'aquila, che soltanto a fine mese avrà un nome ( in ballottaggio Skeggia, Vittoria, Olimpia e Libera). La concessione è arrivata da uno degli addestratori, Juan Barnabé, colui che mercoledì sera era al centro del campo con tanto di maglia biancoceleste. L'aquila vivrà per tutto l'anno nel centro sportivo e si librerà in cielo all'inizio di tutte le gare casalinghe della Lazio. Devono ancora essere definiti i costi (in settimana): il primo volo è stato gratis, ma in Portogallo, al Da Luz, sono piuttosto alti.

CASO ZARATE, REJA LO RILANCIA? - C'è chi deve tornare a volare. E' ormai da più di un anno l'oggetto misterioso della Lazio. La scoperta di un campione è durata un anno, la paura d'aver preso un abbaglio diventa sempre più concreta ogni domenica che passa. La bocciatura dopo un primo tempo anonimo contro il Bologna gli è costata la prima panchina stagionale a Firenze. Mercoledì sera si è ancora accomodato fra le riserve, salvo poi entrare verso la fine del secondo tempo, senza incidere più di tanto. Era stato invocato a gran voce dai 44mila spettatori all'Olimpico, non è bastato l'incitamento assordante dei suoi tifosi a dargli la giusta scossa. Nonostante le dichiarazioni di facciata ("Sta lavorando bene ogni settimana, bisogna solo lasciarlo tranquillo"), 

 

Reja è preoccupato di non essere ancora riuscito a recuperare un calciatore che potrebbe rappresentare un valore aggiunto per la Lazio. Anche la società vorrebbe rivalutare il patrimonio investito poco più di un anno fa, ma a Formello assicurano che Maurito debba ritrovare da solo l'autostima in se stesso. Fuori dal campo la convivenza con la fidanzata Natalie, alla quale ha regalato anche un cagnolino, va a gonfie vele. Fortunato in amore, la ruota deve tornare a girare sul terreno di gioco. Reja potrebbe decidere di dargli una chance contro il Chievo. Ma lo deciderà soltanto domani mattina nell'ultima rifinitura delle 11.