Commenta per primo
La Lazio non ha ancora smaltito del tutto la delusione per la brutta sconfitta di San Siro contro il Milan, ma lo spogliatoio ha dato subito un segnale chiaro. Tutti i big nel post partita sui propri profili social o tramite le interviste hanno sottolineato la grande voglia di ripartire bene già dal prossimo impegno.

Quest’ultimo sarà giovedì alle ore 18:45 a Istanbul contro il Galatasaray dell’ex Muslera, colonna del club turco tanto da esserne ormai diventato il capitano. La squadra di Terim proviene da due pareggi per 2-2 in campionato, l’ultimo col Trabzonspor, ma non per questo andrà sottovalutata. Così, dopo lo scarico di ieri, mister Sarri oggi ha iniziato a lavorare tatticamente in vista dell’esordio europeo dei suoi ragazzi.
PRIME PROVE TATTICHE - Poiché il calendario non fa sconti con 3 partite in 8 giorni considerando anche il Cagliari domenica alle 18:00, per dopodomani è lecito attendersi alcuni cambi. Mister Sarri oggi ha mischiato le carte come al solito. Il Comandante, a colloquio con Tare durante il torello a inizio seduta è parso innervosito tra una sigaretta e l’altra. La motivazione con ogni probabilità è la squalifica di due giornate comminatagli dal Giudice Sportivo. Un motivo in più per caricare al massimo i suoi in ottica Galatasaray.

Tra i presenti anche Acerbi. Il Leone, da stakanovista qual è, dopo la nascita della primogenita Vittoria è corso a Formello. Non voleva mancare neanche oggi. Accanto a lui c’era Patric in difesa. Radu ha agito da terzino sinistro e questo potrebbe già essere un indizio di formazione. A centrocampo Basic sogna la chance dal 1’. Oggi agiva nel centrocampo a tre con Milinkovic ed Escalante. L’altro che punta alla maglia da titolare è Zaccagni. L’ex Hellas ancora una volta è stato schierato con Immobile. A completare il terzetto offensivo vi erano a rotazione Raul Moro e Romero, mentre gli altri tre erano Pedro, Muriqi e Felipe Anderson. Unico assente André Anderson.