56
4 sconfitte consecutive contro Vicenza, Anderlecht, Sigma Oluc e Mainz non sono il miglior modo per la Lazio di presentatis alla Supercoppa italiana contro la Juventus, che si giocherà l'8 agosto. Ma oltre alle questioni tecniche, ci sono problemi di spogliatoio in seno ai biancocelesti dopo la decisione di Stefano Pioli di consegnare la fascia di capitano sul braccio di Lucas Biglia. Il nazionale argentino sarà l'erede di Stefano Mauri, per la delusione, non troppo velata, di Antonio Candreva

RIFIUTATO IL RUOLO DI VICE - Come scrive il Corriere dello Sport, nella giornata di ieri Pioli ha riunito la squadra per comunicare la sua decisione. Negli ultimi 10 anni la fascia era sempre stata assegnata dallo spogliatoio in base all'anzianità. Candreva si aspettava di essere scelto, per questo motivo è scoppiata la sua delusione, tanto da non accettare il ruolo di vice capitano. Arrivato 3 anni e mezzo fa, ha ringraziato Pioli, ma ha declinato l'invito.
PROFONDA DELUSIONE - Il procuratore del giocatore, Federico Pastorello, ha illustrato la situazione dalle pagine del Corriere dello Sport: "Considerando il percorso di Antonio ci aspettavamo questo riconoscimento. C'è rimasto male. Non è mancanza di rispetto nei confronti di Biglia. Credo che il capitano non sia solo una questione di spogliatoio, ma identifica e rappresenta una città, una tifoseria. Come rappresentatività ha dimostrato abbastanza in questi tre anni e mezzo. Pioli ha scelto in altro modo. Candreva ci teneva, continuerà il suo percorso come ha sempre fatto. Tengo conto che ogni estate ci sono quattro o cinque club che vogliono Antonio, ma neppure è mai stato fissato un appuntamento". Il caso è aperto, Pioli proverà a chiuderlo in fretta.