Commenta per primo

La Lazio non disputerà coppe europee, certo, ma ha bisogno in ogni caso di un quarto tassello per consentire a Reja di dormire sonni tranquilli. Innanzitutto, il rilancio di Zarate è un'incognita. L'argentino, dopo l'esplosione del primo anno si è smarrito tra equivoci tattici, scarsa fiducia degli allenatori di turno, e insistiti dribbling divenuti ormai prevedibili per le difese italiane. I dubbi che circondano Floccari, invece, sono di natura fisica: il bomber calabrese è arrivato a Formello a gennaio scorso con gli strascichi di un problema all'adduttore, mentre attualmente è reduce da un'operazione all'ernia inguinale e solo da domenica potrà lavorare in gruppo.

Rocchi, dal canto suo, ha 33 anni, e non può garantire il 100% delle partite. Al momento c'è il solo 21enne Kozak a ricoprire il ruolo di attaccante di scorta
. Ruolo per il quale Acquafresca ha declinato l'invito (l'attaccante è in ritiro col Genoa), cosa che ha rimesso la Lazio sul mercato alla ricerca di una punta di peso per sostituire Cruz.

(Il Tempo)