1

"I tifosi della Lazio non devono essere contenti, ma stracontenti perché non abbiamo venduto nessuno dei nostri gioielli, abbiamo speso 28 milioni e comprato 8 nuovi giocatori". Queste le parole di Lotito che da ieri sera risuonano nelle orecchie dei sostenitori biancocelesti che invece, per la maggior parte risultano delusi dalla chiusura del calciomercato.
Una 'imposizione sentimentale' che non sta né in cielo né in terra e che conferma quanto il presidente sia lontano anni luce dal pensiero di chi con passione segue la squadra. È evidente a livello numerico che la squadra abbia qualcosa in più, come è evidente che Biglia sia un giocatore di livello e che di Felipe Anderson non sappiamo neanche le caratteristiche non avendolo mai visto in campo finora.

Sappiamo invece che Vinicius è già stato 'bocciato' perché non inserito nella lista Uefa e perché si cerca un'alternativa a Radu quando l'alternativa dovrebbe essere lui, sappiamo che Novaretti ha bisogno di tempo per integrarsi, sappiamo anche che Berisha giocherà le partite Europee e di Coppa Italia (avrà parlato con Petkovic ed il tecnico l'avrà già valutato?!?), ed infine sappiamo chi è Perea, giovane attaccante, considerato il nuovo Cavani sul quale la Lazio punta fortemente ma che da febbraio, mese in cui è stato dichiarato un giocatore biancoceleste, ad oggi ancora non si è mai allenato. I giocatori acquistati sono sei, ne mancano due all'appello...
La parola d'ordine però è: stracontenti.