164
Doveva essere uno degli uomini mercato di questa estate. Invece per Sergej Milinkovic-Savic, di fatto, non si è ancora mosso nulla. Tanti gli interessamenti, ma poche le azioni concrete per portarlo via dalla Lazio, fino a questo momento. Lui intanto si gode gli ultimi giorni di vacanza e lunedì raggiungerà i compagni in ritiro ad Auronzo.

TUTTO TACE - Le ultime voci su una sua possibile partenza risalgono ormai a 10 giorni fa, dopo il secondo viaggio di Tare a Londra. Il Chelsea sembrava sul punto di presentare un offerta ai biancocelesti, ma a Formello non è arrivato nulla. O, se è arrivato, non è minimamente vicino alle richieste di Lotito. È il caso dell'Arsenal - meta comunque poco gradita dal calciatore, come anche il Newcastle - arrivato a mettere sul piatto poco più di 50 milioni e neanche preso in considerazione da Lotito, che sotto i 70 non si siede nemmeno al tavolo a parlare. Forse è anche per questo che da un po' le voci di mercato attorno al sergente sembrano essersi spente. Nessuna delle altre pretendenti sembra avere intenzione per il momento di avvicinarsi a quelle cifre.
FUTURO - Il presidente in effetti dopo l'ultima di campionato contro l'Hellas, aveva detto ai tifosi che Sergej non lo avrebbe venduto. Fin'ora è stato di parola. Non darlo a squadre italiane è una scelta precisa. E comunque nessuna delle big nostrane ha mai recapitato al patron capitolino una proposta che accontentasse le sue pretese. Per l'estero invece non ci sarebbe alcuna preclusione, ma a questo punto, in assenza di azioni da parte dei top club preferiti dal classe '95, più passa il tempo, più l'immediato futuro del serbo sembra quello di restare a Roma anche l'anno prossimo. Poi si vedrà. Con il contratto in scadenza nel 2024 è anche possibile che in molti stiano giocando d'attesa per provare a strappare un prezzo più basso, magari tra sei o dodici mesi.