18
I primi caldi. O meglio, su Roma si sta per abbattere tutta l'afa terribile di un'estate che si preannuncia caldissima. In tutti i sensi: per le temperature - ma mi sa che ve ne siete accorti - e di calciomercato. Caldissima, dicevamo: Milinkovic Savic sembra sempre più vicino ad un'asta tremenda, o al PSG, se preferite (ma occhio a Real e Juventus). L'intellighentia biancoceleste, sempre molto attenta a diffondere voci, vere o presunte che siano, è già in moto. Quindi occhio: quasi niente di quello che sentirete sarà vero, ma chi avrà orecchie per intendere, capirà. Per questo Milinkovic è finito con violenza nel mirino del PSG (e, nonostante il suo Kezman, non è che smanii dalla voglia di andare in Ligue 1). Per questo io le altre squadre non le escludo affatto. 

MILINKOVIA - Se la Milinkovia sembra segnata - ma le uscite in casa Lazio sono sempre segnalate in maniera sbagliata, contorta, strana, quindi non bisogna sorprendersi se poi non sarà così semplice venderlo - quella di Luis Alberto meno. Ha dato a Correa sui social appuntamento ad Auronzo, per il ritiro estivo della Lazio. Inzaghi ha chiesto il favore alla società di non andare in 50 in ritiro, ma spera di portarci giocatori più pronti possibile: da Lazzari (soldi + Murgia, non pochi) ad un altro attaccante. Si è capito che Caicedo probabilmente andrà via, quindi dovrà arrivare: un altro attaccante, almeno 1 difensore, se non due, e un altro centrocampista + eventuale sostituto di Milinkovic. 
TARE CE LA FA? - La domanda che resta è questa: Tare, che al Milan piaceva così tanto, ma così tanto, raggiungerà i suoi personali obiettivi stagionali? Che per me sono: cedere Milinkovic (più forse Luis Alberto) molto bene, rimpiazzarli molto meglio, prendere almeno 2 giocatori pronti + 1 di prospettiva, e un attaccante migliore di Caicedo in qualcosa. Aggiungo un obiettivo plus, premium, chiamatelo come vi pare: se riesce pure a fare un colpo di nome, uno di quelli che un po' accendono la fantasia, tanto meglio, buon per lui, buoni pasto assicurati. Ma forse è il caldo che mi dà alla testa, che mi ha fatto baluginare l'idea peregrina, strana, barbina, che d'estate sognare sia cosa buona e giusta. Ma tra sogno e miraggio il passo è breve. Non cascateci anche voi, in questa storiaccia di sognare cose assurde, non fate come me.