Commenta per primo

La Lazio batte l'Albinoleffe e vola agli ottavi, dove incontrerà la Roma nel derby. L'obiettivo per il momento è stato centrato: la speranza è che questa volta Edy Reja possa infrangere il tabù che non lo ha mai visto battere i giallorossi. La 'Lazio due' vince facile contro i lombardi in una gara ben giocata. Segna Garrido su calcio di punizione e rincuora i tifosi biancocelesti (in altre occasioni non aveva fatto una buona impressione). Segna Stendardo, che dopo il derby si era fermato per infortunio. E segna Del Nero, spesso nemmeno preso in considerazione per la panchina.

Non segna invece Tommaso Rocchi, che però è stato sfortunato: un palo, una deviazione di un difensore e qualche imprecisione di troppo. Ha avuto la sua occasione il capitano, e nonostante non sia riuscito a far gol ha fatto comunque una buona impressione. Ora anche lui aspetta il derby, e in quella gara si augura di essere protagonista anche con le marcature. Intanto la Lazio pensa anche al Catania, una squadra che sta facendo buonissime cose. I siciliani, allenati dall'ottimo Giampaolo, non avranno Maxi Lopez, il bomber che nella scorsa stagione ha sorpreso tutti e salvato la baracca.

Quest'anno l'argentino fatica un po', ma è sempre pericoloso, e del resto il suo primo gol in Italia lo ha fatto proprio a Roma, a quella Lazio che l'aveva cercato nel mercato invernale. Una squalifica lo ferma proprio contro i biancocelesti, che contro gli isolani non hanno altre alternative alla vittoria. Dopo i due punti persi contro il Parma un'altra battuta d'arresto non sarebbe concessa, anche perché poi arriveranno due sfide molto impegnative contro l'Inter, venerdì 3 dicembre, e la settimana successiva a Torino contro la Juventus.

I tre punti per la banda di Reja sono alla portata e dovranno essere conquistati. Tornerà in campo la 'Lazio uno', quella dei titolari, i quali però non si troverebbero in quella posizione di classifica se non ci fossero anche i compagni, quelli che oggi hanno battuto l'Albinoleffe. Perché questa squadra non è formata da titolari e riserve, ma da un gruppo di amici che puntano a vincere. Una squadra non sarebbe tale se non fosse unita. La Lazio è unita. La Lazio è una squadra.