Stasera, a Lisbona, debutterà in Nazionale un giocatore della Spal, Manuel Lazzari, 24 anni. E’ uno degli azzurri più in forma di questo momento, ma farà il suo esordio in una difesa tutta nuova (con Romagnoli e Caldara al centro) e in un ruolo che conosce meno, quello di terzino destro. Specifichiamo, però. Leonardo Semplici, a cui va il merito principale del lancio, della crescita e della conferma a questi livelli di Lazzari, fa giocare la Spal col 3-5-2 e Lazzari è l’esterno destro, il quinto come vengono definiti ora a Coverciano (...) i giocatori che occupano quella posizione. Se stasera l’Italia gioca col 4-4-2 o col 4-3-3, Lazzari sembra fuori ruolo.

In parte è così, ma Lazzari nella Spal fa anche il terzino destro. Accade talvolta a partita in corso, quando Semplici cambia modulo e passa alla difesa a 4. L’ultima volta è successo a Torino, all’ultima di campionato. Secondo il tecnico fiorentino, è un ruolo in cui Lazzari se la cava bene. Al contrario, non avrebbe lo stesso rendimento se nel 4-4-2 fosse schierato come esterno a centrocampo. «Ha bisogno di campo», ha spiegato più volte Semplici. In estate alcuni club di buon livello lo avevano cercato per farlo giocare proprio terzino destro. E’ alla Spal dal 2013, ha fatto tutte le promozioni, dalla Seconda Divisione fino alla salvezza in A. Questo debutto è il premio per lui, per il suo allenatore e per la società.