355
Un altro capitolo nella storia tra il Milan e Rafa Leao. A scriverlo l'attaccante portoghese, che dal Qatar ha rilasciato queste dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport: " Sono contento, orgoglioso, ora devo stare concentrato sul Mondiale, poi col Milan parlerò appena arrivo. Se ho voglia di firmare il contratto? Già prima di arrivare in nazionale abbiamo fatto una riunione con Maldini, è stata positiva, quindi quando arriverò a Milano parleremo bene»

LA SITUAZIONE - Leao sta bene in rossonero, ma per mettere la firma sul rinnovo del contratto in scadenza nel 2024, come ribadito da Maldini a inizio ottobre, "servono le condizioni giuste". Prima di tutto va risolta la grana con Sporting Lisbona, al quale l'ex Lille deve 16 milioni per la risoluzione unilaterale del contratto nel 2018, diventati 19 con gli interessi. In secondo luogo vanno considerate le richieste del suo entourage: Jorge Mendes, che lo ha seguito per anni, e poi con l'avvocato francese Ted Dimvula, che ha preso la sua procura a inizio 2022. Che vogliono molto più dei 6 milioni di euro offerti.