Commenta per primo

Strana atmosfera al 'Via del Mare', l'impressione per il Lecce è quella di giocare fuori casa: tantissimi sostenitori juventini e Curva nord semivuota a causa della protesta degli ultras salentini per il 'caro biglietti'. La formazione giallorossa è ben messa in campo e dimostra di non aver timore della capolista; la Juventus è poco attiva, risente del ritiro a Dubai e si limita a controllare il match in attesa di una distrazione della difesa salentina che arriva puntuale. Al 25' è Alessandro Matri a sbloccare il risultato insaccando di testa una clamorosa ribattuta di Massimiliano Benassi su tiro dell'ex Mirko Vucinic: Juventus in vantaggio. Primo tempo in cassaforte per i piemontesi, si registrano solo due gravi infortuni: per Rodney Strasser stagione finita a causa di una frattura al malleolo, mentre Fabio Quagliarella ne avrà per qualche settimana a causa di una frattura allo zigomo. Secondo tempo decisamente più divertente, con il Lecce che cerca più volte il pareggio con David Di Michele, ma purtroppo l'attaccante giallorosso non è in giornata e sbaglia ogni pallone. Ancora Lecce in avanti con e vicino al pareggio con Christian Obodo e poi Massimo Oddo che scheggia la traversa su punizione. E' all'83' che arriva l'occasione più ghiotta per il pareggio: David Di Michele serve Cristian Pasquato che da ottima posizione spara clamorosamente fuori. La Juventus continua a controllare la partita riuscendo così a portare a casa tre punti fondamentali nella sfida scudetto; il Lecce sprofonda nel baratro da ultima in classifica e a nove punti dalla salvezza.

LECCE

Il portiere del Lecce, Massimiliano Benassi: 'La Juve non era in palla e si vedeva, abbiamo più volte rischiato di agguantare il pareggio ma non riusciamo a concretizzare. Io ho fatto un grave errore respingendo male il tiro di Mirko, purtroppo a questi giocatori non puoi lasciare nulla, sono sempre pronti a punirti e Matri è stato bravissimo ad appofittarne. Noi non ci scoraggiamo, il campionato è lungo e il gruppo ci crede fino in fondo'.

JUVENTUS

L'allenatore della Juventus, Antonio Conte: 'E' stata una partita difficile così come ci aspettavamo, loro hanno giocatori veloci e temibili come Di Michele e Muriel ma noi abbiamo controllato benissimo il risultato. Sono stati tre punti fondamentali in quanto Inter, Milan e Udinese non hanno nessuna voglia di mollare, ma noi dobbiamo dimostrare di riuscire a rimanere concentrati per centrare tutti i nostri obiettivi. Mi dispiace aver visto uno striscione contro Marco Borriello, come ha spiegato già lui non ha mai rifiutato la Juve, solo un pazzo lo farebbe e lui non lo è'.