Commenta per primo

'Con il fatto di aver preso quattro rigori contro nelle prime quattro giornate, potrei dire tante cose sulla classe arbitrale, ma in questo momento non è giusto fare critiche ulteriori alla squadra guidata da Braschi. Credo nella buona fede in questo settore e mi sono ripromesso di non parlare di arbitri, come ho già fatto l'anno scorso. L'adrenalina nei dopo partita sale, c'è stress, quindi invito tutti i dirigenti, prima di parlare, a contare fino a dieci prima di esprimere giudizi sulla classe arbitrale'. Il direttore generale del Parma Pietro Leonardi analizza con queste parole, ospite di Radio Toscana, il non facile clima arbitrale dopo il turno infrasettimanale di ieri sera. 'Se ogni elemento che è all'interno del mondo del calcio si dà delle regole, nei gesti e nelle parole, specie al termine dei match, non si può che migliorare'.

'Sono soddisfatto di questo inizio del Parma, visto che con un nuovo allenatore è iniziato un nuovo progetto, e non ho mai visto, nelle prime quattro giornate, la squadra in difficoltà - ha aggiunto l'ex uomo mercato dell'Udinese -. Abbiamo raccolto meno di quanto avremmo meritato. Alcuni episodi per noi sono stati sfortunati. Gli infortuni di Galloppa prima e Giovinco poi ci hanno limitato, ma considero la nostra rosa forte. Sono contenti di avere aquistato Gobbi, che ha sposato fin dal primo nostro contatto il progetto che c'è a Parma'.

Sul prossimo avversario degli uomini di Marino, Leonardi ha aggiunto: 'La Fiorentina ha ambizioni più importanti del Parma che, si deve solo salvare. La squadra viola negli ultimi anni ha dimostrato di poter ambire a traguardi più prestigiosi rispetto ai nostri. La rosa di Mihajlovic è piena di qualità, e il tecnico serbo è bravo sia a livello di carisma che in quello tecnico-tattico, quindi la formazione gigliata ha una classifica al momento solo condizionata da degli episodi a lei non favorevoli'.