Commenta per primo

Al banchetto della Ligue 1 ogni settimana gli invitati aggiungono un posto a tavola come in una nota canzone di qualche decennio fa. Il Lille, che appena due settimane fa sembrava lanciato verso il titolo, si è fatto rimontare dal Rennes, nuovo capolista a quota 46 punti. In più dalle retrovie si fa sempre più caldo il fiato sul collo di vecchie volpi come Marsiglia, Lione e Psg in una ammucchiata composta da cinque squadre in quattro punti.

Eppure la rete del solito Moussa Sow dopo appena nove minuti nel match contro il Lione sembrava spianare la strada al titolo per il Lille che non aveva però fatto i conti con l'orgoglio di Kim Kallstrom. Ne approfitta il Rennes, per la serie 'attenti a quei due' Boukari-Montano, ancora in gol, ancora decisivi per l'aggancio in vetta contro il Lens.

A lanciare il Marsiglia invece ci ha pensato Ayew con una grande doppietta in casa del Nancy. Il ghanese naturalizzato francese ha ribaltato il risultato permettendo alla squadra di Deschamps di ricandidarsi seriamente al titolo. Più fortunato invece il Psg che supera il Tolosa anche grazie all'autorete di Gunino.

Protagonista di giornata il coreano del Monaco Park. Grazie alla sua doppietta il Monaco ha messo in cascina un altro punto fondamentale per la difficile salvezza, obiettivo stagionale anche dell'Auxerre di Champions e mera utopia per l'Arles-Avignon che, un punto alla volta, si sta riavvicinando alla Ligue 2 come nella classica teoria del piano inclinato.