Ad Anfield erano in palio tre punti fondamentali per il titolo e per la corsa alla prossima Champions League fra Liverpool e Manchester City. Entrambe le squadre erano chiamate alla vittoria per rimettere in moto una macchina inceppata dalle rispettive prestazioni a livello europeo. Ma a sorridere al triplice fischio è ancora una volta il Liverpool, che mantiene l'imbattibilità casalinga per la 12esima volta consecutiva negli ultimi confronti fra i club. A decidere l'incontro due magie quasi in fotocopia di Jordan Henderson, capitano al posto dell'assente Gerrard, e di Philippe Coutinho (a segno anche l'anno scorso), con due splendidi destri a giro dal limite dell'area che hanno reso inutile il momentaneo pareggio di Edin Dzeko.

AGGANCIO CHAMPIONS – La squadra di Brendan Rodgers ottiene l'11esimo risultato utile consecutivo, mettendo a segno l'ennesimo passo in avanti verso la zona Champions League. In attesa del match fra Arsenal ed Everton, infatti, i Reds agganciano i Gunners al quarto posto in campionato.

LA MALEDIZIONE DEL MERSEYSIDE FA SORRIDERE MOURINHO – Continua, invece, la maledizione del Merseyside per il Manchester City che si arrende ancora una volta al Liverpool e lascia aperta un'incredibile porta al Chelsea nella corsa alla vittoria del titolo di Premier League. Pur non giocando, perchè impegnato nella finale di Capital One Cup è infatti Josè Mourinho a sorridere perchè mantiene inalterato a 5 punti il distacco dai Citizens, secondi ma con una partita in più.