Commenta per primo
Dopo un primo tempo in cui ha tenuto bene la Lokomotiv Mosca si sfalda nella seconda frazione sotto i colpi della Lazio salutando anticipatamente l'Europa League. Ecco le valutazioni della squadra russa.

Le pagelle di CM:

Khudiakov 6: esordio assoluto in Europa per il giovanissimo portiere russo che si fa trovare pronto. Il classe 2004 subisce due gol su rigore da un bomber come Immobile e su quello di Pedro ha la visuale ostruita da Jedvaj, ma salva in almeno altre due occasioni i suoi da un passivo maggiore. Sorpresa.

Nenakhov 5: il terzino destro va subito in grande difficoltà con Zaccagni. Arriva sempre in ritardo e al 14’ viene subito ammonito. Per non rischiare nulla Gisdol giustamente lo toglie dal campo. (Al 29’ Silyanov 4,5: il numero 45 fa anche peggio atterrando proprio Zaccagni per il rigore che porta al vantaggio della Lazio).

Jedvaj 5: serata difficile contro la Lazio e una punta come Immobile. Per la maggior parte della gara i principali pericoli arrivano sulle fasce. Poi non riesce a tenere il punto e gli equilibri difensivi crollano lasciando praterie agli avversari. Sul gol di Pedro copre la visuale di Khudiakov.

Murilo 5: nella prima frazione si disimpegna bene. Poi anche lui crolla nel secondo tempo come il resto dei compagni.

Rybus 5: bene nel primo tempo su Felipe Anderson e al 24’ salva sulla riga un colpo di testa di Basic. Con l’ingresso di Pedro prima e Lazzari poi invece va in grande sofferenza.
Maradishvili 5,5: si muove molto. Gioca sulla carta come esterno a destra del centrocampo a 4, ma spesso e volentieri va a cercare palla nella zona centrale del campo. Suo uno dei pochi tiri insidiosi della Lokomotiv. (Al 77’ Zinovich SV).

Barinov 5: il capitano, forse tradito dalla spocchia della vigilia, fa sentire spesso il suo agonismo agli avversari, ma nel secondo tempo ce ne metto troppo atterrando in area Immobile per il rigore del 2-0 della Lazio. Prende anche il giallo che gli farà saltare la prossima gara.

Beka Beka 6: se Barinov ci mette troppa irruenza, lui invece è un ottimo mix di corsa e tecnica che riesce talvolta a schermare bene un centrocampo fisico e tecnico come quello della Lazio. L’unico a salvarsi insieme a Khudiakov.

Rybchinskii 5: parte bene con uno spunto che porta all’occasione di Maradishvili. Poi il nulla. (Al 59’ Smolov 5: il miglior marcatore dei russi non dà alcun apporto ai suoi).

Lisakovich 5: praticamente il numero 88 in attacco non si vede mai se non in una bozza di contropiede fallito nella seconda frazione mentre in fase difensiva abbocca facilmente alla finta di Pedro sul terzo gol della Lazio.

Kamano 5: stesso discorso per l’ex Bordeaux, mai pericoloso e spesso e volentieri autore di qualche fallo di troppo. (Al 77’ Borisenko SV).

All. Gisdol 5: quella di stasera era l’ultima chance che aveva la Lokomotiv Mosca per rimanere aggrappata al discorso qualificazione, ma l’atteggiamento dei suoi è stato totalmente sbagliato. Non è semplice affrontare un avversario più forte come la Lazio, ma due tiri verso la porta di Strakosha sono decisamente pochi. Eliminazione meritata.