307
Tornare in Champions League, farlo in uno degli stadi più belli al mondo, con una atmosfera magica, e uscire con la consapevolezza di essere sulla strada giusta. Stefano Pioli e il suo Milan possono trarre diversi insegnamenti da una sconfitta contro un Liverpool, al momento, decisamente più forte sotto tutti i punti di vista. Già a partire dall prossima sfida contro l’Atletico Madrid a San Siro i rossoneri dovranno scendere in campo con una consapevolezza diversa, curare meglio quei dettagli che in una competizione cinica come la Champions League diventano fondamentali. 


LA NOTTE DI MAIGNAN - Ci sono diverse cose dalla quale ripartire in questa notte di Anfield. La solidità di Fikayo Tomori e Simon Kjaer, i guizzi di Rafael Leão e Ante Rebic. Ma il vero protagonista della serata è stato Mike Maignan che, con i suoi interventi prodigiosi, ha evitato un passivo ancora più pesante rispetto a quanto recita il tabellino della partita. Straordinario nell’ipnotizzare Momo Salah dal dischetto, esplosivo nel ribattere la conclusione da due metri di Diogo Jota. Nel mezzo tanta sicurezza nel guidare la difesa e nelle uscite alte. Il portiere francese ha destato, ancora una volta, delle ottime sensazioni prendendosi il Milan proprio nella giornata che ha visto il suo predecessore Gianluigi Donnarumma sedere in panchina nel deludente pari del Psg in casa del Club Brugge.