Commenta per primo
Partita speciale domani per Marco Benassi, giocatore della Fiorentina arrivato dal Torino nell'ultima sessione di mercato: ne parla l'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. In granata ha indossato pure la fascia di capitano prima di entrare in conflitto con il modulo di asini da Sinisa Mihajlovic. Poi il trasferimento a Firenze, colto con entusiasmo dal popolo viola. Qualche difficoltà nell’impatto e la recente rinascita frutto di tanti esperimenti. Culminata con il primo festeggiato con entusiasmo a Benevento.

PROBLEMI TATTICI - Gol che incarna i motivi che hanno spinto Pantaleo Corvino a investire 10 milioni (più 3 di bonus) per portarlo a Firenze. Inserimento con i tempi giusti. Sul ruolo di Benassi molto si è discusso da queste parti: se la difficoltà trovata nel Torino partita dal trovare la giusta posizione nel 4-2-3-1, come sposarsi perfettamente negli schemi di Stefano Pioli? L’impatto pareva dar credito agli scettici. Un po’ trequartista, un po’ esterno, spesso anche centrocampista. Poco di tutto e comunque non abbastanza in generale. Nelle ultime partite qualcosa Pioli ha modificato. Thereau che parte da sinistra, Chiesa da destra, niente trequarti centrale e Benassi molto più vicino al concetto di mezzala. Contro l’Udinese la sua partita è stata solida e convincente, due giorni fa crescita certificata dalla sfida di Benevento. Condita dalla prima gioia in viola.

DERBY - Domani scenderanno in campo anche le emozioni. Più che una rivincita, sarà voglia di mostrare il proprio valore. Affrontare e battere il passato per costruirsi in futuro migliore.