Commenta per primo

Il dg della Juventus Beppa Marotta racconta il mercato bianconero, a partite dal grande colpo sfumato, quello di Edin Dzeko: "E' uno dei più forti d'Europa, fa la differenza. Lo volevamo e abbiamo fatto tutto quanto era nelle nostre possibilità, ma il Wolfsburg ha alzato un muro. Purtroppo Hoeness si è dimostrato irremovibile. Anzi, i due Hoeness... Noi ci riproveremo, ma ho il sospetto che in futuro il bosniaco finirà al Bayern".

Marotta poi risponde all'accusa di un mercato juventino senza grandi colpi: "Mancano i grandi colpi? Bonucci, Quagliarella, Krasic e Pepe sono nazionali. E Aquilani? Dovevamo ringiovanire, rinnovare l'ambiente e abbattere il monte ingaggi, ci siamo riusciti".

"Ora mi aspetto più di tutti da Del Neri - prosegue il dirigente bianconero -. E' lui l'artista che dovrà saper mettere a frutto questo mercato".

Infine, una rivelazione: "L'ultimo giorno di mercato il Wolfsburg ci ha chiesto Sissoko, ma a parte che non c'erano i tempi tecnici, non eravamo proprio interessati ad affrontare l'argomento".