78
E' una sorta di tormentone che si ripete a scadenze regolare e che curiosamente riguarda una delle squadre più ricche del pianeta e che nella passata stagione è andata davvero ad un passo dall'agognata conquista della sua prima storica Champions League. Dopo aver dovuto gestire a lungo i mal di pancia di Neymar, oggi il Paris Saint Germain prende atto del desiderio di lasciare da parte di Kylian Mbappé. Un'indiscrezione esplosiva quella riportata da una fonte assolutamente attendibile come il Times e che apre scenari incredibilmente interessanti per il calciomercato internazionale.

QUANTO PUO' VALERE? - E' bene precisarlo, Mbappé non lascerebbe Parigi in questa finestra di trattative, che si concluderà il prossimo 5 ottobre, bensì nell'estate 2021. Troppo ristretti i tempi, troppo risicati anche i margini operativi per qualsiasi club abbia in mente di fare l'investimento della vita per il fenomeno francese. Acquistato per 145 milioni di euro nell'estate 2017 (più altri 35 di bonus in caso di rinnovo o addio entro il 2022), il centravanti del PSG ha oggi un valore incommensurabile, dopo aver conquistato nel mezzo un Mondiale da protagonista e aver realizzato 90 gol in 124 partite con la formazione capitolina. E le drammatiche conseguenze economiche del coronavirus hanno fatto il resto.
REAL MADRID IN POLE - Ma l'anno prossimo, nel quale si disputerà l'Europeo slittato per la pandemia, Mbappé ha intenzione di far fruttare tutto questo e cambiare casacca e accasarsi in un club nel quale possa essere la stella di prima grandezza. Anche a livello economico, obiettivo che al PSG è vanificato dalla presenza di un altro fuoriclasse come Neymar e dai suoi quasi 40 milioni di ingaggio. Un dettaglio non insignificante e che ha frenato ad oggi qualsiasi tentativo della proprietà qatariota di raggiungere un'intesa sul rinnovo del contratto che scade tra due anni. Secondo il Times, Manchester United e Liverpool sono pronti a scendere in campo, ma Mbappé non ha mai nascosto il suo desiderio di indossare la camiseta del Real Madrid e ritrovare magari il connazionale Zidane, idolo della sua infanzia.